Accademia Futuro Blog

Il Blog di Accademia Futuro

Ecco 20 citazioni di CEO leggendari che ti ispireranno nella vita e sul lavoro

Ecco 20 citazioni di CEO leggendari che ti ispireranno nella vita e sul lavoro

 L'ispirazione può essere un motore potente, che ci dà motivazione e ci spinge a migliorarci quotidianamente.

Purtroppo però è difficile mantenere alta la tensione, e per essere spronati a dare il meglio di noi stessi abbiamo sempre bisogno di nuovi modelli e di nuove intuizioni.

E' per questo che Accademia Futuro, il più grande portale italiano della formazione online che offre ai propri studenti la possibilità di abbonarsi a tutti i corsi a soli 59 euro, senza limiti, da questo link, ha raccolto per i suoi studenti 20 tra le più belle citazioni di imprenditori e leader di successo, una vera e propria carica di energia per le settimane a venire.

Leggete insieme a noi le citazioni che seguono, e scriveteci per farci sapere se la vostre citazioni preferite hanno trovato posto nella nostra lista, o se volete suggerirne delle nuove.

A proposito del successo. 

“Ho sempre fatto cose per cui non mi sentivo preparata abbastanza. Credo che si cresca proprio in questo modo. Quando ti trovi in quei momenti in cui pensi di non essere in grado di fare qualcosa, e li affronti lo stesso, è allora che hai successo." Marissa Mayer, Yahoo!.

“Ogni volta che preferisci la scelta più difficile, quella giusta, diventi un po' più coraggioso, mentre ogni volta che fai la scelta sbagliata, quella più facile, diventi un po' più codardo." - Ben Horowitz, Opsware

“Non preoccupatevi se le persone copiano quello che fate. Cominciate a preoccuparvi il giorno che smetteranno di farlo" - Jeffrey Zeldman, A List Apart Magazine

“C'è solo una cosa peggiore dell'iniziare un'attività e fallire... il non iniziare nulla.” - Seth Godin, Squidoo

“Il coraggio è come un muscolo. Ho imparato sulla mia pelle che più lo esercito e più diventa naturale resistere alla paura.” -Arianna Huffington, The Huffington Post Media Group

“Non ponetevi limiti. Molte persone si limitano a fare quello che pensano di essere in grado di fare. Invece potete andare tanto lontani quanto può estendersi la vostra mente. Se credete in qualcosa, ricordatelo, potete ottenerlo." - Mary Kay Ash, Mary Kay Cosmetics 

Sullo stile di lavoro.

“Rendete perfetto ogni dettaglio e limitate il numero di dettagli da perfezionare.” - Jack Dorsey, Twitter

“Se non vi vergongnate almeno un po' della prima versione di qualcosa che avete fatto, significa che avete aspettato troppo prima di renderla pubblica.” - Reid Hoffman, LinkedIn

"Una delle domande più comuni sul posto di lavoro è: Perché? E' una buona domanda, ma una domanda altrettanto buona è: Perché no?" – Jeff Bezos, Amazon

Sul fallimento.

“Non preoccupatevi dei vostri fallimenti, quello che conta alla fine è rialzarsi e tagliare il traguardo." - Drew Houston, Dropbox

“Non imparate a camminare seguendo delle regole. Imparate a camminare provando e fallendo.” - Richard Branson, Virgin Group 

"Un uomo dev'essere adulto abbastanza da ammettere i suoi sbagli, intelligente abbastanza da trarne insegnamento, e forte abbastanza da riuscire a correggerli" – John C. Maxwell, The John Maxwell Company

Sulla passione.

“Il vostro lavoro riempirà una porzione molto grande della vostra vita, e l'unico modo di esserne davvero soddisfatti è fare ciò che considerate importante.”  - Steve Jobs, Co-Founder of Apple

Sull'appagamento.

“Il veleno più insidioso è la sensazione di appagamento. L'antidoto è il pensare, ogni sera, a cosa potete migliorare l'indomani.” - Ingvar Kamprad, IKEA 

Sull'innovazione.

"Quando fate innovazione siate pronti alle critiche, perché tutti vi diranno che state sbagliando." – Larry Ellison, Oracle.

“Il cuore e l'anima della nostra azienda sono la creatività e l'innovazione.” - Robert Iger, Walt Disney

“Il valore di un'idea sta tutto nel come la si mette in pratica.” - Thomas Edison, General Electric

“Inoltrarvi in un terreno sconosciuto, soprattutto all'inizio, può diventare il vostro più grande vantaggio. Perché sarete sicuri di affrontare i problemi con un'ottica completamente diversa da quella di chi ci è immerso da tempo.” - Sara Blakely, SPANX

Sul relazionarsi con gli altri.

“Non dimenticare mai che hai solo una possibilità di impressionare al primo colpo" Natalie Massenet, Net-a-Porter.

“Non importa quanto siate furbi o intelligenti, se non fate gioco di squadra, siete destinati a perdere.” - Reid Hoffman, LinkedIn

Ricorda che la fonte migliore di ispirazione per la tua vita e il tuo lavoro è la formazione continua, approfitta della possibilità di abbonarti a tutti i corsi a soli 59 euro, senza limiti, da questo link.

 

Continua a leggere
1088 Visite
0 Commenti

Bilancio di competenze: cos'è e perché è utile

Bilancio di competenze: cos'è e perché è utile

 

Accademia Futuro, il più grande portale italiano della formazione online che offre ai propri studenti la possibilità di abbonarsi a tutti i corsi a soli 59 euro, senza limiti, da questo link, offre quotidianamente nuovi contenuti sul mondo del lavoro e delle professioni. Oggi parliamo di bilancio di competenze.

Il termine bilancio di competenze viene utilizzato sempre più di frequente in contesti lavorativi e non solo, spesso con significati diversi perché il suo profilo di attuazione in Italia non è, come invece avviene in altri paesi, normato per legge

Dal punto di vista dell'orientamento professionale il bilancio di competenze è un percorso che permette di pianificare un progetto professionale di crescita attraverso la presa di consapevolezza di quelle che sono le proprie capacità, i propri interessi, i propri valori e i propri obiettivi.

Il bilancio di competenze è destinato sia a persone già esperte che a giovani senza esperienza, che in particolare desiderino:

- trovare occupazione

- cambiare attività lavorativa 

- crescere professionalmente all'interno del proprio percorso

E' importante ricordare che un'attività propedeutica alla determinazione del proprio bilancio di competenze è la stesura di una piccola biografia informale della propria vita, che dia modo di ricordare e riflettere sui momenti salienti sia dal punto di vista dell'acquisizione delle competenze che della gratificazione personale.

Fatto questo, siamo pronti al primo passo, la valutazione delle proprie capacità, ovvero tre liste delle cose che sappiamo fare divise per categorie:

1. una lista delle capacità di saper lavorare con Dati e Informazioni (raccogliere, cercare, inventare, creare, analizzare, organizzare, scrivere)

2. una lista delle capacità di saper lavorare con Cose e Oggetti (costruire, aggiustare, assemblare, programmare un computer, guidare un veicolo, governare una macchina, disegnare, suonare uno strumento)

3. una lista delle capacità di relazione Interpersonale (ricevere istruzioni, insegnare, selezionare persone, gestire un team, prendersi cura di persone, guidare delle persone, lavorare insieme a delle persone)

Il secondo passo è quello di elencare i propri interessi, ovvero quello che ci piace fare. La ragione per cui preferiremmo scegliere delle attività piuttosto che altre, per esempio lavorare da soli piuttosto che con delle persone, lavorare all'aperto piuttosto che al chiuso, occuparci di vendite o di assistenza, svolgere attività ben codificate o sempre diverse.

Terzo passo è la consapevolezza dei propri valori, che sono diversi dagli interessi perché non rispondono alla domanda "cosa ci piace?" ma definiscono cosa è importante per noi. Valori personali possono essere la salute e il benessere fisico, la stabilità e la sicurezza economica, l'indipendenza personale, la reputazione e l'approvazione degli altri, lo svolgere un'attività che sia di aiuto per il prossimo o per la natura.

In ultimo, è importante capire le nostre motivazioni. Rispetto ai valori, le motivazioni definiscono i nostri obiettivi concreti, da raggiungere sia a breve che a lungo termine, quello che ci da la forza di affrontare le sfide quotidiane in cambio della sensazione di poter ottenere un premio, anche semplicemente la sensazione di aver raggiunto quello che ci eravamo prefissati. Fissare degli obiettivi da raggiungere, anche in base ai tre passi precedenti, è molto importante, per esempio una persona che ha come valore l'indipendenza personale può fissare come obiettivi la creazione di un'attività in proprio contemporaneamente al lavoro dipendente, e di raggiungere una soglia di reddito che gli consenta l'indipendenza dal lavoro dipendente entro due anni.

Completato il percorso del bilancio di competenze, verrà naturale per la persona orientarsi meglio nell'universo delle proprie potenzialità, delle scelte a disposizione e degli obiettivi lavorativi, e il risultato sarà una maggiore consapevolezza di se e della strada che si vuole intraprendere.

Ricorda che per rendere più appetibile il tuo cv e le tue competenze per le aziende non c'è nulla di meglio della formazione continua, solo per pochi giorni diamo la possibilità di abbonarsi a tutti i corsi a soli 59 euro, senza limiti, da questo link.

 

Continua a leggere
640 Visite
0 Commenti

Turismo spaziale? Con SpaceX sarà realtà da subito

Turismo spaziale? Con SpaceX sarà realtà da subito

Chi non ha mai sognato di andare a fare due passi sulla Luna pur non essendo un vero astronauta? Il desiderio di adulti e bambini potrà essere esaudito nel 2018 grazie alla compagnia privata SpaceX, fondata dal ricchissimo magnate Elon Musk.

L'obiettivo della SpaceX è quello di ridurre i costi di accesso allo spazio e dopo la Luna consentire all’uomo di arrivare addirittura su Marte. Elon Musk ha dichiarato che già ci sono due cittadini, al momento rimasti anonimi, pronti per il primo viaggio verso il nostro satellite; i due hanno versato un cospicuo anticipo in modo tale da avere la priorità ed essere i primi civili ad andare sulla Luna.

Il sito di SpaceX è entusiasta di questa avventura e paragona i due cittadini agli astronauti delle missioni Apollo: viaggeranno nello spazio per alimentare sogni e speranze di tutta l'umanità, motivati dall'insaziabile spirito esplorativo che da sempre contraddistingue il genere umano.

I tempi sono abbastanza serrati in quanto già alla fine del 2017 gli "astronauti" cominceranno gli allenamenti per prepararsi al viaggio spaziale, compresi tutti i test per verificare l'idoneità dei due. Come è noto affrontare un viaggio spaziale verso la Luna non è impresa da poco e per chiunque, non solo dal punto di vista squisitamente economico. Secondo le stime il viaggio costerà all'incirca 100 milioni di dollari, ma il denaro potrebbe non bastare per sostenere un simile sforzo fisico in soggetti privi di qualunque addestramento e nozioni specifiche. Non vi è dubbio che le persone devono essere in ottime condizioni di salute: nessun problema cardiaco, pressione arteriosa normale, nessun problema polmonare e, soprattutto, sangue freddo. Chiaramente il viaggio spaziale è precluso a quei soggetti affetti da problemi psichiatrici, quali l'ansia e la depressione con tendenze suicide, e chi soffre di fobie come la claustrofobia, dato che passare lungo tempo nello spazio può accentuare questi sintomi, considerato anche che le navicelle che porteranno sulla Luna non saranno comodissime, nè spaziosissime. Per questi motivi la SpaceX farà accurate valutazioni prima di concedere il nulla osta ai provetti astronauti.

Per quanto riguarda il comparto tecnico e la navicella che verrà utilizzata per il viaggio il signor Musk si è attrezzato per tempo con il razzo Falcon Heavy che verrà testato già durante l'estate. In caso di esito positivo sarà il mezzo più veloce e potente dopo il Saturno V. La fine del 2017 vedrà le prove generali del viaggio con la capsula Dragon 2 che si aggancerà alla ISS, la Stazione Spaziale Internazionale; sarà un volo puramente dimostrativo e di collaudo privo di equipaggio, mentre per la metà del 2018 ci sarà il vero viaggio con i due astronauti a bordo. La SpaceX intende proporre quattro missioni lunari annuali, tre di tipo cargo e solo una con equipaggio.

Tutte le operazioni della capsula Dragon 2 saranno effettuate dalla Nasa, l'Ente Nazionale per le attività Spaziali ed Aeronautiche degli Stati Uniti, al termine delle quali la SpaceX avrà l'autorizzazione al lancio con a bordo i primi due turisti spaziali. Come da tradizione consolidata per tutte le missioni Apollo della storia la Dragon 2 verrà lanciata dal famosissimo Kennedy Space Center di Cape Canaveral. La navicella non si poserà mai sul suolo lunare, ma il suo obiettivo sarà quello di circumnavigare la Luna per poi essere ri-attirata verso la Terra grazie all’attrazione gravitazionale che il nostro pianeta esercita sul satellite. L'intera durata del viaggio sarà di una settimana ed alla fine saranno stati percorsi circa mezzo milione di chilometri.

Il sogno di poter scendere sul suolo lunare aveva stuzzicato la fantasia di un regista francese, Georges Mèliés, che 115 anni fa girò quel capolavoro conosciuto come "Voyage dans le lune", in pratica l'esordio del cinema di fantascienza. Il film, celeberrimo, è noto per la scena in cui il gruppo di astronauti diretti verso la Luna su di un razzo a forma di proiettile centra il nostro satellite, raffigurato come un volto umano, in un occhio. E ora quello che sembrava solo un sogno presto diventerà realtà: non si potrà camminare sulla Luna, privilegio concesso solo alle missioni Apollo, e non potremo sapere se esistono o meno i seleniti, i misteriosi abitanti della Luna, ma si potrà vedere da molto vicino qualcosa che è stato possibile ammirare solo dalla Terra.

Questo è un primo passo per poi tentare di raggiungere Marte, vera ossessione di una sconfinata moltitudine di appassionati, e spingerci ancora più lontano nello spazio fino ad arrivare su Alpha Centauri. La recente scoperta di sette pianeti simili alla Terra ad una distanza di 39 anni luce dal nostro pianeta ha scatenato le fantasie più sfrenate in proposito; ma per raggiungere Trappist-1, questo il nome del sistema dove sono stati scoperti i pianeti, con le conoscenze e le tecnologie attuali ci vogliono un milione di anni terrestri, al che risulta impossibile ed inattuabile ipotizzare alcuna missione al riguardo. 

Continua a leggere
1245 Visite
0 Commenti

E' Martedì grasso, saluta il Carnevale 2017 con feste ed eventi in Italia e nel mondo

E' Martedì grasso, saluta il Carnevale 2017 con feste ed eventi in Italia e nel mondo

Il Carnevale 2017 si conclude con il tradizionale martedì grasso, denso di eventi e feste nazionali ed internazionali; da domani si entrerà in Quaresima con i riti cattolici che introducono alla Pasqua.

Come ogni anno l'attenzione a rivolta a Venezia dove da secoli va in scena il Carnevale più magico e conosciuto a livello globale grazie alla suggestiva cornice dei suoi stupendi monumenti e la celeberrima laguna, che attira migliaia di turisti in maschera. Vi sarà il tradizionale concorso che premierà la maschera più bella e poi alle 17.30 lo Svolo del Leon in Piazza San Marco. Per concludere la giornata di festa al calare della sera prenderanno vita i party notturni dell'Arsenal Carnival Experience.

Ma il Carnevale non è solo Venezia: in Campania andrà in scena l'undicesimo Carnevale di Faicchiano, in provincia di Benevento, con il coinvolgimento del centro storico della cittadina; nel pomeriggio ad Agropoli, ci sarà la sfilata dei carri allegorici per l'edizione numero 46 del Carnevale omonimo. Feste e maschere anche a Torre del Greco e a Saviano. Non poteva mancare il Lazio con gli eventi pomeridiani del Carnevale Romano. Tra i vari momenti anche il convegno-spettacolo “Il Carnevale romano e le donne di Roma” che si terrà nella Biblioteca Angelica.

Appuntamento imperdibile anche in Toscana dove a Viareggio, le feste carnascialesche andranno avanti, come da tradizione, fino a domenica prossima, ma oggi pomeriggio ci sarà il quarto corso mascherato, accompagnato da altri eventi rionali e il magnifico spettacolo con i fuochi d’artificio. Comunque feste e party a tema coinvolgono diverse altre città italiane: da Milano, a Torino, Firenze e Bologna, dove sfileranno maschere tradizionali e carri allegorici. Particolare attenzione a Bologna col Carnevale dei Bambini allietato dalle sfilate che si snoderanno nella varie zone del centro per concludersi in Piazza Maggiore; a Borgo Tossignano, in provincia di Bologna, va in scena un goloso appuntamento molto noto da quelle parti, la Festa della Polenta, mentre a Milano aprono gli appuntamenti del Carnevale Ambrosiano.

Anche Torino e provincia si uniranno alle feste del martedì grasso con il Carlevè ed Turin, il Real Carnevale Venariese e quello di Moncalieri. Non potevano mancare gli eventi del Martedì Grasso in Sardegna: il più noto dell'isola si svolge a Mamoiada con le feste che termineranno il 4 marzo; da menzionare anche la Sartiglia di Oristano e il Carnevale di Cagliari con la conclusione il 5 marzo.

E' martedì grasso anche nel resto del mondo ed è d'obbligo citare il Carnevale più famoso del mondo e cioè quello di Rio de Janeiro in Brasile. Una sorta di istituzione per la città e per tutta la nazione verdeoro, il Carnevale a Rio ebbe inizio nel lontano 1723 con l'introduzione dell'Entrudo da parte degli immigrati portoghesi; anticamente questa festa aveva connotati violenti e volgari con acqua e cibo che veniva gettato a terra in strada, poi con gli anni assunse contorni più tranquilli e decisamente più civili con l'introduzione di costumi vistosi chiamati "fantasias", cibi e bevande gustose fino a perdere quella connotazione rozza che l'aveva contraddistinta nei primi anni. Le scuole di samba, il celeberrimo ballo locale, hanno poi fatto il resto rendendo il Carnevale di Rio l'evento spettacolare che conosciamo oggi. Ma non c'è solo Rio: le sfilate, le maschere, i sambodromi, possiamo ammirarli a Salvador de Bahia, Recife ed Olinda.

In ambito europeo si distingue il Carnevale di Patrasso in Grecia, il più prestigioso e sontuoso del Paese ellenico, con bellissime sfilate floreali e sfarzosi balli in maschera. Decisamente gustosa è la battaglia di cioccolata dove al pubblico vengono lanciati dolci e petali di fiori mentre la musica delle bande allietano i presenti. La maschera più nota del posto è il Domino nero caratterizzata da un ampio mantello ed un cappuccio nero simili ad alcune maschere del Carnevale di Venezia.

Tra i più antichi figura il Carnevale di Nizza uno degli eventi più noti della Costa Azzurra. Secondo la tradizione le origini del Carnevale di Nizza risalgono al 1294 quando l'allora Conte di Provenza, Carlo D'Angiò, ne parlò con toni entusiastici affermando di aver trascorso  piacevoli giorni allegri in quel di Nizza. I festeggiamenti durano circa 15 giorni coinvolgendo la popolazione e i turisti in un variegato mondo goliardico allietando i presenti con balli e canti. Particolarmente attesa è la battaglia dei fiori introdotta nel 1876; dai carri graziose modelle in costume lanciano fino a 100.000 fiori della Costa Azzurra sui partecipanti creando un'atmosfera magica e colorata.

In Spagna spicca il Carnevale di Cadice il più importante della nazione: se ne ha notizia a partire dal XVI secolo quando il porto della città spagnola aveva grande rilevanza; per questi motivi è verosimile ritenere che le tradizioni carnascialeche siano state influenzate dall'allora Repubblica Venezia con la quale gli spagnoli intrattenevano rapporti commerciali. Meravigliose le rappresentazioni in costume di gruppi di persone che creano e cantano le chirigotas, canzoni satiriche molto divertenti ed ironiche, che hanno come bersaglio noti personaggi della politica e dello spettacolo; le musiche invadono tutta la città creando un clima allegro e scherzoso tipico del carnevale dove tutti sono coinvolti, dai Gaditani, così chiamati gli abitanti di Cadice, ed ai turisti provenienti da tutto il mondo, tra luci, suoni, profumi e colori sgargianti.

In Belgio il Carnevale di Binche è noto fin dal 1300 quando i cittadini dei villaggi valloni si riunivano di fronte a giganteschi falò intorno ai quali si festeggiava la fine dell'inverno e venivano officiati riti della fertilità per le donne e per i raccolti. L'introduzione del carnevale in Belgio si deve agli spagnoli su desiderio di Maria di Ungheria all'epoca signora di Binche. Attualmente il Carnevale di Binche è patrimonio dell'Unesco e la sua maschera principale è il Gille, indossa una maschera ed un vistoso costume con i tradizionali colori della bandiera belga, nero rosso e giallo indossando un buffo cappello adornato di piume di struzzo e si muove a ritmo di una insolita danza, che introduce l'imminenza della primavera.

Chiudiamo con gli Stati Uniti dove ha un posto di rilievo il Mardi Gras che si svolge a New Orleans (Louisiana); dalle notizie pervenute fino a noi si narra che il Carnevale di New Orleans si festeggiasse già a partire dal 1730. Una gioia per gli occhi di residenti e turisti con carri allegorici, sfilate multicolore e comparse abbigliate con il porpora (la giustizia), il verde (la fede) e l'oro (il potere). In questa giornata le attività commerciali sono chiuse e chiunque può godersi la festa in tutta tranquillità. 

Il tuo sogno è di organizzare eventi favolosi come quelli appena descritti? Frequenta il nostro Corso online di Event Planner.

 

Continua a leggere
953 Visite
0 Commenti

McDonald's prende in giro Apple, una sfida tutta da ridere

McDonald's prende in giro Apple, una sfida tutta da ridere

Sfida tra giganti? Ristorazione contro informatica? Sì, ma tutta da ridere. McDonald's si diverte a copiare un'idea di Apple e realizza una cannuccia ispirata agli acronimi informatici e ai suoi relativi termini tecnici che non ha nulla di tecnologico e resta semplicemente una cannuccia. 

I buontemponi di McDonald's si sono divertiti a realizzare un video del tutto simile a quelli tutorial proposti dalla Apple per spiegare la nascita, la creazione ed il funzionamento della cannuccia, chiamata The Straw, acronimo di Suction Tube for Reverse Axial Withdrawal traducibile in italiano con "tubo di aspirazione con inversione assiale di prelievo".

L'intero video è, in pratica, una parodia di quelli reali che realizzano gli ingegneri della Apple quando lanciano sul mercato i loro prodotti come gli I-Phone, i Mac o gli iPad e lo promuovono a beneficio dei clienti. Tutto è identico ai video di Apple: dalle riprese ravvicinate, alla musica accattivante e ricca di pathos, ai colori brillanti ed il titolo, emblematico, è "Creating the straw".

Per lanciare sul mercato il futuro delle cannucce, i responsabili della catena di fast food più famosa del mondo non hanno badato a spese, arruolando un prestigioso gruppo di designer ed ingegneri direttamente dal Project Ara di Google; il team ha lavorato insieme per mesi in modo da realizzare quella che, a tutti gli effetti, è una cannuccia di cui ha soltanto il nome.

L'idea è stata quella di rinnovare il design che conosciamo in merito alle comuni cannucce, usate tutti i giorni, dal momento che la Straw di McDonald's si distingue per la forma ad uncino dotata di ben quattro fori per bere il contenuto di un Milkshake, una Coca Cola o un'altra bevanda.

I quattro fori in luogo dei classici due si spiegano dal fatto di poter gustare al meglio lo Shamrock Shake, famosa bevanda multistrato venduta, appunto, nei locali americani del McDonald's. La nuova cannuccia "straw" consentirà ai clienti di gustarsi al meglio la nota bevanda al fine di mescolare in modo perfetto i vari ingredienti di cui è composta. Le nuove cannucce saranno distribuite in più di 80 città, in edizione limitata, a partire dalle prossime settimane; è possibile che la clientela intenda fare la fila proprio come negli Apple Store, per averne una tutta per sè in anteprima, allo stesso modo di quando esce un nuovo I-Phone.

Vuoi creare anche tu campagne di successo? Segui il nostro Corso online di Comunicazione e Marketing.

Continua a leggere
1644 Visite
0 Commenti
  • Assocral
  • Contabildata
  • ExtraJob
  • NursingUp
  • Autodesk
  • Groupon
  • Iprogrammatori
    logo partner extrajob

    Cookie

    Il sito utilizza solo cookie tecnici ma consente l'installazione di cookie di profilazione di terze parti utilizzati per proporti messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze. Cliccando sul tasto "OK" accetti l’installazione di detti cookie. Per maggiori informazioni e disattivazione è possibile consultare l'informativa cookie completa